Ufficiale, Nasri si ritira: “La squalifica ha cambiato il mio rapporto con il calcio”

samir-nasri

Samir Nasri lascia ufficialmente il calcio. Dopo una carriera ad altissimi livelli, con il picco raggiunto con la maglia del Manchester City, il trentaquattrenne ha deciso di dire basta. Terminata la parentesi con l’Anderlecht nel luglio 2020, l’ex Marsiglia ed Arsenal non ha trovato una nuova squadra ed in questo periodo di pausa ha riflettuto sul suo futuro. In un’intervista rilasciata a JDD, ha spiegato quali sono i motivi che lo hanno spinto a prendere questa decisione. La causa principale deriva dalla squalifica per 18 mesi di stop imposta dalla UEFA nel febbraio 2018 per violazione delle norme antidoping.

samir-nasri

Sulla squalifica

“Un episodio mi ha ferito gravemente e ha cambiato il mio rapporto con il calcio, ovvero la mia squalifica. Trovai che, più che ingiusto, non avevo preso alcun prodotto dopante. Era solo un’iniezione di vitamine perché stavo male“.

Sull’esperienza all’Anderlecht

Non è andata come previsto. Poi il campionato è stato fermato a causa del Covid”.