Zanetti: “Giusto togliere la fascia a Skriniar. Messi all’Inter? Ne abbiamo parlato”

javier-zanetti

Dopo il derby vinto, Javier Zanetti ha parlato ad ampio raggio sulla sua Inter. Il vice presidente nerazzurro ha voluto fare i complimenti alla squadra per le due gare vinte contro i cugini del Milan, per poi focalizzarsi sulla questione Skriniar oltre a svelare qualche retroscena curioso di mercato.

milan-skriniar

Inter, le parole di Zanetti su Skriniar e non solo

Queste le parole di Zanetti intervistato in esclusiva dai microfoni di DAZN.

Sul derby vinto: “Ho passato un lunedì diverso perché vincere un derby ha un sapore speciale, soprattutto perché lo abbiamo vinto meritatamente”.

Su Skriniar: “Tutto è semplice: noi abbiamo proposto il rinnovo nelle nostre possibilità, lui ha valutato e detto no. Va bene così e la sua decisione va accettata. La cosa più importante è la risposta dell’ambiente che ha capito di dover mettere il giocatore nella condizione di rendere al meglio. Quello che conta è il bene della società e lui è stato il primo a capirlo. L’Inter andrà avanti, Skriniar indosserà un’altra maglia da luglio e gli auguriamo il meglio. Per noi è fondamentale che giochi come nel derby. Marotta è stato chiaro. Io capisco tutto, ci siamo confrontati tutti e siamo stati d’accordo che fosse la scelta migliore, che lui ha capito per primo. L’Inter va avanti, guardiamo al futuro. Ieri il capitano è stato Lautaro, che è il presente e il futuro“.

Su Lautaro: “Sono molto contento del percorso che ha fatto all’Inter e del rendimento sempre in crescendo che ha avuto. Ora è una conferma anche per l’Argentina, mentre per l’Inter dimostra ogni volta che scende in campo di essere importante. Poi è un generoso, non vuole perdere e quando ha detto che il derby si vive come in Argentina ha ragione perché l’ambiente è molto caldo“.

Sul retroscena legato a Messi: “Io sono rimasto sorpreso quando ha detto addio al Barcellona, ma realisticamente non possiamo competere con il PSG o gli altri club di Premier. Per il rapporto che abbiamo ci siamo parlati quando c’era questa possibilità“.