Serie A, i Top e Flop della decima giornata

Decima giornata di Serie A all’insegna dei gol, dei rigori sbagliati e delle autoreti. Eguagliato il record stagionale di 34 reti totali, di cui 3 nella porta sbagliata, mentre sono stati ben 2 gli errori dagli 11 metri.

Sugli scudi Icardi e Mertens (ma questa non è una novità) che trascinano Inter e Napoli in testa alla classifica. Da segnalare la serata di Senad Lulic: gol, assist e autogol. Tris quanto mai insolito, che avrà fatto girare la testa ai Fantallenatori di tutta Italia. Resta da approfondire il discorso salvezza. Benevento, Crotone, Hellas e Spal: 17 punti in 4 nelle prime 10, e adesso?

TOP

MAURO ICARDI

Sarà il Mondiale alle porte, sarà l’ebbrezza dell’alta classifica, ma quest’anno Maurito Icardi non si ferma più! 11 gol in 10 presenze, distribuite in 3 doppiette, due marcature singole ed una tripletta, tra l’altro nel derby vinto 3-2.  Una rete ogni 3 tiri, 4 volte migliore in campo, 3 volte nei nostri Top e Flop: insomma, questa è la stagione di Mauro Icardi.

DRIES MERTENS

Troppo facile premiare loro due, lo sappiamo. Il problema è che quando due giocatori sono così incredibilmente decisivi è difficile non premiarli. Come Icardi autore di una doppietta, altrettanto visto il 3-2 finale. Potevano essere tre, se solo Zukanovic non gli avesse negato la gioia del hattrick al 60esimo. Per lui fanno 9 in 10 partite. E pensare che era a digiuno da 3 partite…

MARCO BENASSI

Il cambio di modulo è stato pensato per metterlo a suo agio nel ruolo di mezz’ala, e Benassi ha risposto con due gol consecutivi e due prestazioni da incorniciare. Nella serata di ieri, oltre al classico gol dell’ex, si è pure concesso il lusso di ricambiare il favore al Cholito e servirgli il pallone del 2-0.

FLOP

BENEVENTO-CROTONE-BENEVENTO-SPAL

A 10 giornate dall’inizio del campionato, è il caso di iniziare a farsi delle domande. Nelle ultime 4 posizioni ci sono 5 squadre in 6 punti, nell’ordine: Benevento, Spal, Genoa, Hellas e Crotone. Se la presenza in zona retrocessione dei Grifoni è destinata ad essere una comparsata, quella delle altre quattro no. Le stesse quattro che insieme hanno collezionato 17 punti in 10 giornate, 23 gol fatti e l’enormità di 85 subiti. Se questo è l’andazzo, la lotta salvezza sarà decisa dagli scontri diretti, vista la difficoltà nel fare punti con le altre.

DIFESA JUVENTUS

4-1 finale che nasconde tutte le incertezze difensive della Juventus. Le statistiche sono emblematiche del momentaccio vissuto dal reparto arretrato. 11 gol subiti in 10 partite, più di uno ogni 90’, 9.3 tiri concessi a partita. Numeri che una squadra come la Juventus non può permettersi. Come è inconcepibile, Allegri dixit, tenere in vita partite come quelle di ieri sera, regalando il gol del 2-1 e addirittura quello del pareggio poi annullato per fuorigioco.

GASTÒN RAMIREZ

Altra serata no per l’ex Bologna. La partita non era delle più facili vero, ma un 5 in pagella con annessa sostituzione dopo soli 45’ pesa. Soprattutto se non si tratta dell’eccezione, ma della regola. Inizio di stagione da dimenticare per Ramirez, che rischia di scendere ulteriormente nelle gerarchie di Giampaolo, anche alla luce delle buone prestazioni di Caprari.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

LASCIA UN COMMENTO